Cose magnifiche.

E’ meraviglioso come possa tornare vivo, intenso e perfetto, qualcosa che è successo un anno fa, e che già poche ore dopo sembrava impossibile da credere, immerso com’era nella nebbiolina dei colli e dei sogni.
Basta sedersi su quella panchina ancora una volta, con la città sotto, le stelle sopra, la basilica illuminata. Identico ad un quadro di Chagall.
Basta chiudere gli occhi, come quella notte, non guardare e respirare un profumo che riconoscerei fra miliardi.
Fingere di non sapere, ancora, com’è fatta la tua bocca, o il tuo naso, o le tue guance.
Farmi abbracciare, annusare, guardare.
Poggiarti il mento sulle spalle, toccarti i ricci, emozionarmi.

E tra quell’attimo e questo, in uno spazio-tempo che è sembrato brevissimo, baciarsi sul territorio di 10 paesi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s