Solo in un mondo brutto e cattivo può succedere di essere così scandalosamente felici per due giorni e di essere poi ricatapultati, senza delicatezza alcuna, in mezzo a impegni, pensieri, obblighi, doveri, e orrori di ogni tipo.
Perchè, accidenti, non ci si può svegliare sempre come domenica mattina? E gironzolare spensierati tra osterie di campagna, locali sulla spiaggia, negozietti da signorine di malaffare, piadinerie eccezionali, camerette fresche?
Perchè, eh?
Odio quel palazzo nero, odio odio odio.
Se qualcuno, così per caso, pensasse di offrirmi un lavoro sottopagato in una casa editrice o in un giornaletto di periferia, ecco, sappia che accetto.
E devo studiare, anche.
E tagliarmi un pochetto i capelli, che sembro una bimba cresciuta nella giungla con i lupi.
E dov’è finito il mio vestitino a fiori in viaggio da Londra?
Per protesta non ho altro da aggiungere.

2 thoughts on “

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s