lost in translation

La più figa guesthouse gay di Copenhagen ci aspetta, con dentro il cane Kenzo, il poster gigante dei maschioni marinai di Jean Paul Gaultier, e il lettino su cui fare dei gran nanein.
Inoltre, secondo google traduttore, la mail in danese stretto che mi ha mandato il Bastionen+Løven è qualcosa che somiglia molto ad una conferma di prenotazione. E se lo dice google io ci credo.
Oddio oddio…

2 thoughts on “lost in translation

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s