¿Vosotros sois ingleses?

Rimesso piede sul continente si fa subito sentire una mostruosa nostalgia della vita balearica, di Eivissa, di Formentera, di tutto quanto.
Sono stati quattro giorni di felicità sconsiderata, di sole accecante, di cieli azzurri, muri bianchi, porte blu, mare trasparente e pelle scottata: i giorni più perfetti di sempre.
Questo viaggio era un regalo per te, ma devo confessare che ti ho un pò truffato, è troppo facile così!
Penso che adesso, se fossimo ancora là, staremmo camminando per la città vecchia di Eivissa in cerca di un ristorantino che ci ispiri, e staremmo ridendo, e ci staremmo compiacendo di quanto stiamo bene, di quanta felicità a palate esca da ogni cellulina del nostro essere…
Ma quanto ho amato sentire l’odore di bucato appena fatto camminando la domenica mattina per i vicoli vecchi e sgarrupati di Sa Penya, a quell’ora in cui si può incontrare solamente un vecchietto con il giornale, un gatto sonnecchioso, o al massimo una lucertola infreddolita dalla brina.
E le calette meravigliose e blu, i nostri pranzi delle tre del pomeriggio nei ristorantini in riva al mare, prendere il sole appiccicati, perderci in motorino per la campagna verde di pini marittimi e bianca di muretti di pietra!
Essere nel posto migliore del mondo con l’unica persona con cui avrei voluto esserci.
Sìsì, il tuo compleanno è stato anche il mio…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s