Quando qualcuno ci prende in giro dicendo che siamo sempre in viaggio, io vorrei che avesse anche solo una pallida idea di quanto noi viaggeremmo, se solo fosse possibile!
E’ tanto facile, poi, così incredibilmente semplice.
Basta partire con una macchina color caramella 52cavalli, correre a riempirsi gli occhi della luce stupefacente della Costa Azzurra, fare il pieno di amore e baci.
Ecco la felicità, la nostra felicità intendo.
Partire, svegliarci insieme in una stanza con il piumone a luglio, dividere una doccia scivolosa, fare colazione a mezzogiorno in un café sul mare, pranzare su un terrazzo di pietra che dà su una fontana, camminare per i vicoletti su cui Renoir ha strizzato gli occhi per individuare le chiazze di colore, fare l’ippopotamo in acqua per farti ridere.
Sei il mio compagno di partenze e di ritorni, e trovando te, ho trovato anche i miei viaggi.

E prima che Parigi bruci
finché è ancora tempo, mio amore
finché il cuore è sul suo ramo
in questa notte di maggio, lungo la Senna, nei depositi
ci siederemmo sui barili rossi
di fronte al fiume scuro nella notte
per salutare la chiatta dalla cabina gialla che passa
– verso il Belgio o verso l’Olanda? –
davanti alla cabina una donna
con un grembiule bianco
sorride dolcemente.

N.H.


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s