perculatio

Qui c'è qualcosa che non va nello scorrere del tempo, qualcuno fermi il fottuto fastforward. Mi pare che da gennaio qualcuno abbia attivato la modalità veloce, e mi stia perculando, anche se in maniera bonaria e gentile.
Un attimo fa eravamo a Istanbul a salutare il 2011 insieme a migliaia di persone a piazza Taksim, e in un battibaleno è quasi metà settembre, ed io ho già un anno in più, ventisette o giù di lì e la cosa fa una certa impressione.

Però, a parte tutto, mi è venuto in mente un pensiero grandioso: questo è il quarto compleanno che passo con te. Ma ci pensi? Quattro compleanni sono tantissimi, eppure tu mi sembri una gran novità!

Così tra i tuoi regali giganteschi e ingiustificati, cenette deliziose, e le telefonate di auguri da Berlino e Bolzano e dalla via dietro l'angolo, ecco, io mi sono sentita veramente amata.

Guardo il tuo portarullini trasparente con dentro noi che ci paracadutiamo su New York, accarezzo con il piede il pelo morbido della p. che se ne sta sdraiata sotto la mia sedia, chiamo il Nonno e sento con sollievo che la cura funziona.

Vorrei che tutti i compleanni della mia vita fossero esattamente così.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s